CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






martedì 4 maggio 2010

Carta da lettera


Il 3 dicembre la Columbia aveva fatto scalo ad Almeria. Era sceso a terra, aveva comprato la carta da lettera e si era infilato nel primo caffe' vicino al porto.
Voleva scrivere del suo viaggio, del bene e del male di partire, di quel pericoloso e indegno amore di se' che c'e' nella nostalgia e nel desiderio del ritorno e che rende schiavi, come ogni amore di se stessi. Questo viaggio non sara' una fuga, partire un po' morire, ma vivere, essere, stare fermi. Saranno le paure, le ambizioni, le mete a fuggire e a svanire.
(Claudio Magris, Un altro mare)

Nessun commento:

Posta un commento