CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






domenica 23 ottobre 2011

Dormiveglia



Come ho goduto tra la veglia e il sonno
questa mattina!
Uomo ero ancora, ed ero marina
libera e infinita.
Con le calme dorate e gli orizzonti
lontani il mare.
Nel fondo ove non occhio puo' arrivare,
e non puo' lo scandaglio,
una pietruzza per me, una cosina
da nulla aveva.
Per lei sola fremeva ed arrideva
l'azzurra immensita'.

(Umberto Saba, L'amorosa spina)

Nessun commento:

Posta un commento