CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






lunedì 24 ottobre 2011

Muto esistere




Sabbia a perdita d'occhio, tra le ultime colline e il mare - il mare - nell'aria fredda di un pomeriggio quasi passato, e benedetto dal vento che sempre soffia da nord. La spiaggia. E il mare. Potrebbe essere la perfezione immagine per occhi divini, mondo che accade e basta, il muto esistere di acqua e terra, opera finita ed esatta, verita' - verita' - ma ancora una volta e' il salvifico granello dell'uomo che inceppa il meccanismo di quel paradiso, un'inezia che basta da sola a sorprendere tutto il grande apparato di inesorabile verita', una cosa da nulla, ma piantata nella sabbia, impercettibile strappo nella superficie di quella santa icona, minuscola eccezionale posatasi sulla perfezione della spiaggia sterminata. A vederlo da lontano non sarebbe che un punto nero: nel nulla, il niente di un uomo e di un cavalletto da pittore. Il cavalletto e' ancorato con corde sottili a quattro sassi posati nella sabbia. Oscilla impercettibilmente al vento che sempre soffia da nord. L'uomo porta alti stivali e una grande giacca da pescatore. Sta in piedi, di fronte al mare, rigirando tra le dita un pennello sottile. Sul cavalletto una tela.


(Alessandro Baricco, Oceano mare)

Nessun commento:

Posta un commento