CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






giovedì 5 aprile 2012

Strani uomini



Mario non l’avrebbe mai ammesso, ma se restava con loro era soprattutto per quello, per quel privilegio che è dato ai pescatori soltanto, e solo ad alcuni di essi, di vivere sempre in balia di quella canzone, di quell’invito d’incanto che sale dall’acqua e che il mare non riesce a coprire; sussurra di te, senza faccia, vicino, e ogni volta, girando lo sguardo, ti costringe a ridire ‘Chi è?’, ma sottovoce, per la vergogna che i compagni vicini possano riuscire a sentire che parli col niente. O col mare.


(Roberto Gabellini, Quegli strani uomini che vivono tra l’infinito e il sussurro del mare)

Nessun commento:

Posta un commento