CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






martedì 9 luglio 2013

Marina



L'oceano sonoro
Palpita sotto l'occhio
Della luna in lutto
E palpita ancora
Mentre un lampo
Vivido e sinistro
Fende il cielo di bistro
D'un lungo zigzag luminoso,
Eche ogni onda
In salti convulsi
Lungo tutta la scogliera
Va, si ritira, brilla e risuona.
E nel firmamento
dove erra l'uragano,
Ruggisce il tuono
Formidabilmente.

(Paul Verlain, Marina)

Nessun commento:

Posta un commento