CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






domenica 21 giugno 2015

Uragano


L'uragano, con la sua forza che sconvolge il mare, affonda navi, sradica alberi, sconvolge robuste muraglie e sbatte al suolo anche gli uccelli dell'aria, aveva trovato sulla sua strada quell'uomo taciturno, e, pur raggiungendo l'estremo limite della violenza, era appena riuscito a cavargli fuori qualche parola. Prima che la rinnovata collera dei venti piombasse sulla nave, il capitano MacWhirr fu spinto a esclamare, in un tono, per così dire, di cruccio: - Mi spiacerebbe perderla. Quel dispiacere gli fu risparmiato. 

(Joseph Conrad, Tifone)

Nessun commento:

Posta un commento