CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






sabato 11 marzo 2017

Yacht



Chi non l'ha provato, non può concepire il fascino di navigare in yacht, qualunque sia il porto a cui è diretta la prua nel far vela. Per quanto viva la smania di vedere nuove terre e ci abbruci il sangue la febbre dell'ignoto, più vivo e ardente è l'affetto che a gradi a gradi il mare riesce ad accapararsi da noi quando ad esso ci abbandoniamo, non per giovarcene come d'un semplice mezzo di transito, ma per vivere con esso della sua vita,  intenderne i moti e le voci, scrutarne i misteri,  temerlo e domarlo ad un tempo, trasfonderne nella sua l'anima nostra.

(Remigio Zena, In yacht da Genova a Costantinopoli)

Nessun commento:

Posta un commento