CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE







mercoledì 21 giugno 2017

Procida



Lasciamo Kabul dopo un mese e mezzo piuttosto pesante, segnato da una serie di attentati. Ritrovarci, dopo alcune ore di volo, prima ad Istanbul e poi a Napoli ci da l'impressione di atterrare in un altro mondo. Il taxi che dall'aeroporto di Capodichino ci porta al Porto si districa abilmente nel traffico dell'ora di punta e riesce a farci prendere il traghetto delle 19.25 che ci porterà a Procida. Saliamo sul ponte e seduti all'ombra ci gustiamo il momento. La traversata è breve e alle 20.30 sbarchiamo sul pontile di quella che è la nostra isola preferita delle Flegree. Siamo impazienti di rivedere Habibti che troviamo ormeggiata pressochè da sola sul pontile. Per salire a bordo e montare la nostra passerella scarto un primo asse in legno posto vicino a noi. Ne prendo un'altro appoggiato poco lontano che mi pare un po' più solido. Salgo sulla barca, apro il tambuccio e ridiscendo per portare la sacca con le nostre cose a bordo. Giunto a metà dell'asse, sentire un "crack" improvviso e ritrovarmi in acqua è un tutt'uno. Fortunatamente lo spazio tra barca e pontile è abbastanza ampio e me la cavo con una sbucciatura sotto il ginocchio. Che sfiga!!! Mi consolo pensando che poteva andare peggio. Per cena mangiamo una pizza in uno dei ristoranti sul porto, proprio davanti al Circolo dei Capitani di lungo corso. Siamo stanchi e il vino bianco fresco della casa, seppur non eccezionale, ci da il colpo di grazia. Rientrati in barca ci addormentiamo subito.

(Giornale di bordo)

Nessun commento:

Posta un commento