CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE







domenica 2 luglio 2017

Palinuro - Scario



A partire dalle prime ore del mattino si è cominciato a dondolare leggermente. Il vento è girato da sud e il ridosso ne risente. Alle 10 aliamo l'ancora e al gran lasco partiamo per Scario, una località che non conoscevo ma che l'amico Antonio mi ha segnalato. Superiamo Marina di Camerota, che ho cancellato dal mio itinerario dopo aver saputo da alcuni amici velisti che sulla spiaggia accanto al porto vi è una discoteca con "boom boom music" a palla fino alle prime ore del mattino. Superiamo anche la piccola insenatura degli Infreschi dove ci son quattro boe per chi intende ormeggiarsi. Come sempre ci accade negli ultimi giorni, al momento di entrare in porto il vento aumenta di intensità. Scario vista dal mare già ci fa un'ottima impressione. In banchina troviamo gli ormeggiatori inviatici da Tanino a cui avevo preannunciato telefonicamente il nostro arrivo. Una volta in banchina, mentre sto mettendo in ordine le scotte noto in acqua una macchia d'olio che sembra provenire proprio da Habibti. Controllo immediatamente la sentina che è perfettamente pulita. L'olio è chiaro e, penso, potrebbe essere quello dell'invertitore. Dopo quanto avvenuto ad Acciaroli mi viene il dubbio che possa esserci una perdita dal para olio del piede dell'elica. Controllo il livello dell'olio dell'inverter che risulta perfetto. Eppure quella macchia esce proprio dalla nostra poppa. L'acqua intorno alle barche soppravento è pulita mentre intorno ad Habibti e alle barche sottovento i riflessi dell'acqua sono di un inquietante color arcobaleno. Nonostante sia domenica riesco a mettermi in contatto telefonico con Mario del pontile San Giorgio a Sapri che assicura anche l'assistenza Volvo Penta. Gli spiego il problema e mi dice di richiamarlo in serata per vedere come procedere. Mi appare subito chiaro che se voglio risolvere la questione seriamente dovrò alare Habibti. Si tratta di capire dove e quando. In attesa che giunga sera partiamo alla scoperta di Scario, una piccola perla. Dopo cena risento Mario che mi dice che purtroppo fino a giovedì il "travel lift" comunale di Sapri non è disponibile. Un'alternativa sarebbe quella di raggiungere Maratea dove il cantiere potrebbe occuparsi del problema. Mi faccio dare il numero di telefono e chiamo Pino che mi da appuntamento per l'indomani alle 8.30. Non ci resta che andare a dormire.

(Giornale di bordo)

Nessun commento:

Posta un commento