CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






venerdì 4 marzo 2011

Correnti



Marzo 1769, Mercoledi', prima parte della giornata vento teso e per il resto vento moderato e tempo sereno. Il risultato delle osservazioni fatte e' longitudine 110° 33' Ovest da Greenwich, che va perfettamente d'accordo con la longitudine data dalla stima da Capo Horn: il collimare delle due longitudini dopo una corsa di seicentosessanta leghe e' sorprendente e veramente inaspettato, ma serve a dimostrare, insieme alle prove fatte quando il tempo lo permetteva, che non abbiamo incontrato nessuna corrente che abbia influito sulla nave da quando siamo entrati in questi mari: e questo e' segno che non siamo passati vicino a terre di notevole estensione, dato che vicino a terra si trovano normalmente delle correnti: si sa bene che sul lato orientale del continente, nel Mare del Nord, incontriamo correnti a piu' di cento leghe da terra, e persino nel mezzo dell'Oceano Atlantico fra l'Africa e l'America vi sono sempre delle correnti; percio' non vedo perche' non ci dovrebbero essere correnti in questo mare se si suppone che esistano un continente o delle terre non molto ad Ovest da noi, come alcuni hanno immaginato; e se mai questa terra fu vista, non possiamo esserne molto distanti, poiche' ormai siamo cinquecentosessanta leghe ad Ovest della costa del Cile.


(James Cook, Scritti)

Nessun commento:

Posta un commento