CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE







lunedì 22 dicembre 2014

Visite



Ormai essere ancorati in Cala Viticcio e ricevere la visita della motovedetta dei Carabinieri di stanza a Portoferraio è diventata quasi un'abitudine. L'appuntato a cui consegno i documenti è gentile. Tuttavia, questi controlli, sempre più frequenti, anche se di routine, mi danno l'impressione di vivere sempre più in uno stato di polizia. Dov'è finita questa libertà che cerchiamo andando per mare? Forse l'amico Luciano di "Piazza Grande" non ha poi tutti i torti quando dice, tornando da un viaggio durato diversi mesi in vari Paesi del Mediterraneo, che l'Italia è diventata, anche per mare, il paese dei divieti, dei controlli, delle multe e dei salassi ogni qualvolta si decide di ormeggiare in un porto. Amare considerazioni alle quali cerco di non pensare, lasciando che il vento che oggi spinge Habibti se le porti via.
 
(Giornale di bordo)

Nessun commento:

Posta un commento