CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






giovedì 5 novembre 2015

Angoscia e sogni



L'uomo di terra crede che il marinaio sia felice di andare, non sa che è intessuto di angoscia e sogni e che gli sembra di percorrere una via che non conduce in nessun luogo. Per questo si affeziona agli strumenti che gli fanno tenere le rotte e lo porteranno da qualche parte. Il marinaio non arriva mai nel suo, non ha possessi, il suo sguardo anche più attento è sempre muto. Parla per farsi compagnia, oppure tace, e quando parla, spesso delira, non vuol convincere nessuno. 

(Francesco Biamonti, Attesa sul mare)

2 commenti: