CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






lunedì 28 giugno 2010

La leggerezza dell'essere


Il capitano MacWirr aveva navigato sulla superficie degli oceani come certi uomini sfiorano gli anni della vita per poi calare dolcemente in una placida tomba, ignorando la vita stessa fino all'ultimo, senza mai essere stati costretti a constatare tutto quello che puo' contenere in fatto di perfidia, di violenza e di terrore.
Esistono sul mare e sulla terra, uomini cosi' fortunati... o cosi' disdegnati dal destino o dagli oceani.
(Joseph Conrad, Tifone)

Nessun commento:

Posta un commento