CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






mercoledì 7 luglio 2010

Fantasmi di navi


Notte. Nel cielo oscuro aurea la luna pende;
nell'aria intorno e' il buio profondo, illimitato;
il mare nelle tenebre senza moto si stende;
e' silenzio infinito nel vuoto inanimato.
Ed ecco all'improvviso l'oscurita' risplende
di un pallido bagliore. L'orizzonte annebbiato
una lugubre luce, opaca, smorta, fende:
e' la florescenza del mare sconfinato.
Scivola, si avvicina; o miracolo... sfiora
gli alberi e le sartie, i ponti orla ed indora
di una turba di navi simili ad ombre vane.
Esse navigan lente; svaniscono annegate
nei flutti tenebrosi, come nebbie lontane:
fantasmi di navi da tempo naufragate.
(Kazimierz Przerwa-Tetmajer, Poesie)

Nessun commento:

Posta un commento