CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






domenica 4 luglio 2010

Onda su onda



Che notte buia che c'e'...
povero me, povero me...
Che acqua gelida qua
nessuno piu' mi salvera'...
Son caduto dalla nave, son caduto
mentre a bordo c'era il ballo...
Onda su onda
il mare mi portera'
alla deriva
in balia di una sorte bizzarra e cattiva.
Onda su onda
mi sto allontanando ormai,
la nave e' una lucciola persa nel blu
mai piu' ritornero'.
Sara, ti sei accorta?
Tu stai danzando insieme a lui
con gli occhi chiusi ti stringi a lui...
Sara, ma non importa!
Stupenda l'isola e'...
il clima e' dolce intorno a me
ci sono palme e bambu'...
e' un luogo pieno di virtu'...
Steso al sole ad asciugarmi
il corpo e il viso
guardo in faccia il paradiso...
Onda su onda
il mare mi ha portato qui,
ritmi canzoni, donne di sogno,
banane, lamponi.
Onda su onda
mi sono ambientato ormai
il naufragio mi ha dato la felicita' che tu,
non mi sai dar...

(Paolo Conte, Onda su onda)

Nessun commento:

Posta un commento