CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






lunedì 13 settembre 2010

Languore


Ve ne state lassù perduto nella distesa infinita del mare, e nulla è imbronciato tranne le onde. La nave rolla indolente come in un'estasi, gli alisei soffiano assonnati, ogni cosa vi scioglie in languore.
Quasi sempre, in questa vita di baleniere ai tropici, vi avvolge una sublime mancanza di avvenimenti.
(Hermann Melville, Moby Dick)

Nessun commento:

Posta un commento