CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






sabato 25 settembre 2010

Maia


La barca si chiama Maia, e' piccola, tre metri, quanto basta per spingersi al largo con la vela bianca - il velo di Maia, il barbaglio accecante che in certi meriggi trema nell'aria e sull'acqua e' l'ultimo velo che nasconde il puro presente delle cose, forse e' gia' quel puro presente. La vela che scivola sul mare s'infila in una fessura dell'orizzonte e cade in un azzurro lattiginoso senza sponde, le estati si dilatano e si rapprendono, il tempo s'arrotonda come un vetro nell'acqua.
(Claudio Magris, Un'altro mare)

Nessun commento:

Posta un commento