CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






martedì 16 novembre 2010

Ingegno



Non m'era mai parso cosi' bello il Galileo. Largo e poderoso; ma le curve agili dei suoi fianchi e la grande lunghezza gli davan la grazia d'una gondola smisurata. I suoi alberi altissimi, congiunti come da una trama di cordami, parevano fusti di gigantesche palme diramate, legate da liane senza foglie, e le ampie bocche purpuree delle trombe a vento rendevan l'immagine di colossali calici di fiori, attirati dall'America invece che dal sole.
E il rumorio della macchina, i colpi profondi del propulsore, le piattonate dell'elice, il cigolio delle catene del timone, il sibilo del solcometro, il fremito delle griselle, il tintinnio dei cristalli sospesi, formano una musica diffusa e strana, che accarezza l'orecchio ed entra nell'anima come un linguaggio misterioso di gente sparpagliata e invisibile, che a bassa voce s'inciti a vicenda al lavoro e alla lotta.
E va senza posa, nella nebbia, nelle tenebre, contro il vento, contro l'onda, con un popolo sul dorso, con cinquemila tonnellate nel ventre, dall'uno all'altro mondo, guidato infallibilimente da una piccola spranghetta d'acciaio che puo' servire a tagliare i fogli d'un libro, e da un uomo che fa girare una ruota di legno con un leggero sforzo di mani.
Noi rincorriamo col pensiero la storia della navigazione e risalendo dal tronco d'albero alla zattera... e su su per tutte le forme della nave ingrandite e fortificate nei secoli, ci fermiamo dinanzi a quella forma ultima per raffrontarla alla prima, e il cuore ci si gonfia d'ammirazione, e ci domandiamo quale altra opera meccanica piu' meravigliosa abbia compiuto la razza umana.
Piu' meravigliosa dell'oceano che essa rompe e divora, e alla cui minaccia continua risponde collo strepito infaticato dei suoi congegni; - Tu sei immenso, ma sei un bruto; io son piccolo ma sono un genio; tu separi i mondi, ma io li lego; tu mi circondi, ma io passo; tu sei strapotente, ma io so.

(Edmondo De Amicis, Sull'oceano)

Nessun commento:

Posta un commento