CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






martedì 15 marzo 2011

Sulla cresta dell'onda



Il mare montava da prua, le creste delle onde erano strappate dalle raffiche. Se lui avesse avuto paura ne avrei avuta piu' di lui, ma finche' era alla barra e decideva il viaggio, non veniva paura. Non avevo esperienze di burrasche, non sapevo i gradi del pericolo e di certo ce n'erano di assai peggiori. Incassavo l'urto del mare, gli strappi del secchio nella schiena senza conoscere quanta forza la barca teneva di riserva per reggere. Ero con la migliore gente del mestiere, sulle loro piste, in una delle loro notti.

(Erri De Luca, Tu, mio)

Nessun commento:

Posta un commento