CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






sabato 18 giugno 2011

Cavalloni



Mi volsi verso il mare; i cavalloni correvano allegramente, onda dopo onda, le criniere al vento, galoppando uno dietro l'altro lungo la spiaggia, innalzandosi, incurvandosi, cadendo uno sull'altro sopra la sabbia pestata. Al largo, il salmastro, i gabbiani spaventati, la sterminata schiera dei destrieri marini che nitrendo si chiamano l'un l'altro a raduno per l'assalto ad Aros, e vicino, dinnanzi a noi, quella linea di sabbia piatta che, nonostante il loro numero e la loro furia, essi non avrebbero mai potuto superare.

(Robert Louis Stevenson, Racconti che narrano che cosa mai sia il mare)

Nessun commento:

Posta un commento