CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






giovedì 13 agosto 2015

Trapani



Non si può pensare di fare sosta a Trapani senza salire fino ad Erice. E non si può pensare di visitare Erice senza fermarsi alla Pasticceria San Carlo a comprare qualche "genovese" e altri dolci locali. Tutti preparati dalla Signora Caterina e da sua sorella, "le due nonnine", come le chiamano qui, che hanno imparato l'arte pasticcera nel limitrofo convento delle suore orsoline. Erice, che raggiungiamo con la cabinovia, ci offre anche una giornata particolarmente fresca, decisamente apprezzata dopo la passeggiata nell'assolato centro storico di Trapani.  
 
 
(Giornale di bordo)

Nessun commento:

Posta un commento