CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






mercoledì 7 ottobre 2015

Certezze incrollabili



Per quanto mi riguarda vivere in barca, navigare, è uno stile di vita, una fonte di sogni realizzabili, un lento distillare esperienze e osservazioni, qualcosa di eternamente mutevole, un luogo dove può essere bello vivere ma anche ogni tanto abbandonare, dove la partenza e l'arrivo sono più importanti del viaggio, ma anche dove bisogna stare sempre all'erta, a rischio di non tornare più. Il mare in sé non significa nulla, non è in sé una fonte di saggezza o di etica. Ma può esserlo e lo sarà sempre in modo diverso dalla terra. In mare l'incertezza, la precarietà, l'effimero diventano certezze incrollabili con cui bisogna imparare a vivere.
 
(Bijorn Larsson, Raccontare il mare)

1 commento:

  1. "l'incertezza, la precarietà, l'effimero diventano certezze incrollabili": che bello se valessero anche nel mondo sulla terraferma!
    Molto bello anche il suo primo libro "la saggezza del mare".

    RispondiElimina