CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






martedì 19 aprile 2016

Porto Azzurro - Golfo di Lacona


Il maestrale forte è arrivato puntuale alle 3 di notte. I tedeschi che ci sono accanto probabilmente non se lo aspettavano perché uno di loro ha passeggiato per metà della notte sulla banchina. Noi invece abbiamo dormito tranquilli essendo Habibti ormeggiata a dovere. Questa mattina qualche altra spesa in paese (compreso un gallo in ceramica enorme che è  diventato compagno di cuccetta di mia madre!!!) poi si è lasciato il porto. Aperto il solo fiocco ma con i quasi 30 nodi che c'erano in mare non si è  mai scesi sotto i 6 di velocità. Superato Capo Calamita con due lunghi bordi di bolina siamo atterrati perfettamente nel Golfo di Lacona. Mentre cucinavo è finita la bombola del gas, sostituita senza troppa difficoltà, anche se nella baia il vento non ha aiutato. Rigatoni con pesto di pistacchio, gamberetti e cipolla di Tropea hanno contribuito ad un pranzo-cena d'eccezione. Accanto a noi un'unica barca a vela con bandiera inglese. Solo gli stranieri sanno godersi le vacanze in solitudine fuori stagione. Noi "italioti" aspettiamo tutti di ammassarci in porti e baie in agosto.

(Giornale di bordo)

2 commenti:

  1. Bello stare ridossati dall'Elba in quelle condizioni, ma comunque vedo dalla foto che il vento picchiava comunque.. Eravate tranquilli a stare alla fonda nel golfo di Lacona (magari su una sola ancora)?

    RispondiElimina
  2. Si. Lacona ha un fondo ottimo tenitore e con 60 metri di catena su un fondo di 5 si dormono sonni tranquilli anche con vento forte ;).

    RispondiElimina