CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






lunedì 13 febbraio 2017

Tinos



Vivevamo in una casetta sul fianco di una collina. Come molte case di Tinos era costruita in pietra imbiancata a calce e il tetto piatto era in tegole rosse a forma di rombo. La piccola camera che Mama' e io condividevamo al primo piano non aveva porta: la stretta tromba delle scale dava direttamente sulla cameretta, ma aveva una finestrella a ventaglio e un balconcino con una ringhiera in ferro battuto che arrivava alla vita, dal quale lo sguardo spaziava sui tetti delle altre case, sugli ulivi, le capre, i tortuosi vicoli di pietra e gli archi, e naturalmente sull'Egeo, azzurro e calmo nelle mattine d'estate, ma con le ochette bianche il pomeriggio, quando il meltemi soffiava da nord.

(Khaled Hosseini, E l'eco rispose)

Nessun commento:

Posta un commento