CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






sabato 22 maggio 2010

Enigmi


Sulla riva del mare
deserto notturno,
sta un uomo. L'eterno fanciullo
dal petto ricolmo d'ambascia,
dal cuore gravato di dubbi,
con lugubre voce,
interroga i flutti cosi':
"O flutti, scioglietemi voi
l'enigma crudele antichissimo,
che nomasi Vita;
l'enigma pe'l quale, da secoli,
invano il cervello si cruciano
dei tristi mortali,
le tempie recinte di mitrie
istoriate, di nere
berrette, turbanti e parrucche:
l'enigma, sul quale,
grondando sudore, si curvano
a mille, da secoli, ansiose
le fronti mortali!
O flutti, svelatemi voi
l'essenza dell'uomo!
Onde viene? A quale meta s'affanna?
O flutti, chi popola i mondi
che brillano d'oro nel cielo?"
Il mare bisbiglia
la sua sempiterna canzone;
fischia il vento; le nuvole corrono;
inesorabili e fredde,
le stelle sull'arco del cielo
risplendono; e un folle
attende il responso del mare.
(Heinrich Heine, Poesie)

Nessun commento:

Posta un commento