CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE







sabato 12 febbraio 2011

Sentimenti nascosti



Il silenzio cadde ancora una volta. Ancora una volta, ma questa volta, come piu' oscuro e teso! Certo, al disotto dei silenzi passati - come, sotto la calma superficiale delle acque, la lotta degli animali nel mare -, sentivo sì pullulare la vita sottomarina dei sentimenti nascosti, dei desideri e dei pensieri che si negano e si combattono.

Non so se Werner von Ebrennac vide questo. Le sue pupille parevano ormeggiate a quelle della ragazza, come, nella corrente, la barca all'anello della riva, con un filo cosi' teso, cosi' inflessibile, che nessuno avrebbe osato passare un dito fra i loro occhi.


(Vercors, Il silenzio del mare)

Nessun commento:

Posta un commento