CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






sabato 2 aprile 2011

Goccia di mare




Goccia di mare portata dal vento.
Fermata sul dorso della mano.
Trasparente effimera perla
Racchiudi immagini di lidi lontani.
Di lunghi palmeti che ombreggiano
La sabbia dove distesa guardi il mare.
Di bianchi gabbiani a cui affidi
Il tuo messaggio d'amore.
Dei tuoi occhi, malinconici
Per la lontananza,
Per l'insuperabile oceano
Che ci unisce e ci divide.
Una stilla mossa dal cuore riga il tuo viso
E lenta scivola in mare.
Sale su sale, amaro e' quest'amore
Fatto di niente, di cieli grigi,
Di mani invano protese
A realizzare un sogno,
Mentre il vento asciuga
L'ormai vinta goccia di mare.

(Renzo Montagnoli, Goccia di mare)

Nessun commento:

Posta un commento