CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






martedì 17 gennaio 2012

Mare d'inverno



Il mare d'inverno
e' solo un film in bianco e nero
visto alla tv
e verso l'interno
qualche nuvola dal cielo
che si butta giu'
sabbia bagnata
una lettera che
il vento sta portando via
punti invisibili
rincorsi dai cani
stanche parabole di vecchi gabbiani
e io che rimango qui sola
a cercare un caffe'
Il mare d'inverno
e' un concetto che il pensiero non considera
e' poco moderno
e' qualcosa che nessuno mai desidera
alberghi chiusi
manifesti gia' sbiaditi di pubblicita'
macchine tracciano solchi su strade
dove la pioggia
d'estate non cade
e io che non riesco
nemmeno a parlare con me
Mare mare
qui non viene mai nessuno
a trascinarmi via
Mare mare
qui non viene mai nessuno
a farci compagnia
Mare mare
non ti posso guardare cosi'
perche' questo vento agita anche me
questo vento agita anche me ...
Passera' il freddo
e la spiaggia lentamente
si colorera'
la radio e i giornali
e una musica banale si diffondera'
nuove avventure
discoteche illuminate
piene di bugie
ma verso sera uno strano concerto
e un ombrellone che rimane aperto
mi tuffo perplessa ai momenti vissuti di gia'
Mare mare
qui non viene mai nessuno
a trascinarmi via
Mare mare
qui non viene mai nessuno
a farci compagnia
Mare mare
non ti posso guardare cosi'
perche' questo vento
agita anche me
questo vento agita anche me
Mare mare
qui non viene mai nessuno a trascinarmi via
Mare mare ...

(Loredana Berte', Il mare d'inverno)

Nessun commento:

Posta un commento