CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE







domenica 5 agosto 2012

Eufemia



A ottanta miglia incontro al vento di maestro l’uomo raggiunge la città di Eufemia, dove i mercanti di sette nazioni convengono a ogni solstizio ed equinozio. La barca che vi approda con un carico di zenzero e bambagia tornerà a salpare con la stiva colma di pistacchi e semi di papavero, e la carovana che ha appena scaricato sacchi di noce moscata e di zibibbo già affastella i suoi basti per il ritorno con rotoli di mussola dorata.


(Italo Calvino, Citta' invisibili)

Nessun commento:

Posta un commento