CRONACA, LETTERARIA E NON, DELL'ANDAR PER MARE






giovedì 20 luglio 2017

Il mare sa parlare



Un candido gabbiano
che stava in riva al mare
tranquillo sulla sabbia
si mise a passeggiare.
Di quando in quando un'onda
le zampe gli bagnava
e il mare raccontava
i suoi segreti a lui.
Il mare sa parlare
Il mare
Il mare sa narrare
Il mare
Magnifiche avventure di grandi marinai
I sogni le paure
di tanto tempo fa.
Il mare, il mare, il mare ...
ma quante storie sa!
Il candidi gabbiano poi,
tanto per cambiare
dall'acqua verso il largo
si fece trasportare.
Il moto delle onde
pian piano lo cullava
e il mare sussurrava
le sue canzoni a lui.
Il mare sa cantare
Il mare
Il mare sa trovare
Il mare
Per ogni melodia continue novita'
con una fantasia
che limiti non ha
Il mare, il mare, il mare ...
ma che concerti fa!
Il candido gabbiano,
sentendosi un po' solo
ai suoi compagni in cielo
voleva unirsi in volo,
con mille giravolte
il vento lo portava
e il mare intanto andava
a tempo su e giu'.
Su e giu' a tempo ...
Il mare sa danzare
il mare sa cambiare.
Diventa di colore
azzurro, verde, blu.
Un magico splendore
si accende qua e la'
Il mare, il mare, il mare ...
Che immensa gioia da'!
Il mare sa parlare
Il mare da'!
Il mare sa cantare
Il mare da'!
Il candido gabbiano lo sfiora e vola via
E tante ali in cielo
gli fanno compagnia!
Il mare, il mare, il mare ...
Il mare e' poesia.
Il mare, il mare, il mare ...
Il mare e' poesia.

(Vittorio Sessa Vitali, Il mare sa parlare)

Nessun commento:

Posta un commento